IL PROGETTO PRINCIPATO DEI BAMBINI CONTINUA…

A Cisterna, con la chiusura del Museo Arti e Mestieri di un tempo, è stato anche interrotto il progetto del “Principato dei bambini”. Nato da un’idea di alcuni giovani volontari del Museo: Samuele Olivetti, Ilaria Massocco, Irene Gallino, Chiara Urgnani, il progetto ha avuto il supporto di Hangar Piemonte, nato dall’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte e realizzato dalla Fondazione Piemonte dal vivo. Grazie all’affiancamento di esperti in progettazione culturale, i giovani volontari hanno elaborato un piano di valorizzazione delle peculiarità del territorio cisternese. Gli elementi intorno a cui ruota sono il principato e i bambini, con la finalità di valorizzare la storia dell’Antico Principato della Cisterna e di Belriguardo a partire dalle offerte laboratoriali che da anni il museo offre ai bambini sia all’interno del museo che all’esterno, nel Bosco dei Bambini e della Costituzione. Continua a leggere

Cisterna ricorda l’Antico Principato

Da oggi chi giungerà a Cisterna sarà accolto da grandi striscioni verticali che ricordano, a quasi 350 anni di distanza, l’erezione in principato del marchesato di Cisterna.  Con bolla di Papa  Clemente X, del 10 novembre 1670,  il feudo venne eretto in principato, in remunerazione di “atti, meriti e servizi resi alla Chiesa Romana” (Storia di Cisterna d’Asti. Un  Principato tra Roero e Monferrato, di Baldassarre Molino).  Lo stesso papa, tre anni dopo, autorizzò  Giacomo Dal Pozzo, Principe di Cisterna,  a coniare monete con il nome del principe e l’emblema della Santa Sede.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il marchesato di Cisterna e Belriguardo, feudo pontificio, dal  1650  entrò tra i Continua a leggere