APPELLO PER L’ISRAT

COMUNICATO STAMPA

I “SE” E I “MA” DEI TAGLI ALL’ ISRAT

APPELLO DEL POLO CITTATTIVA PER L’ASTIGIANO E L’ALBESE A SOSTEGNO DELL’ ISRAT

“Fiumi di parole…” diceva una canzone del secolo scorso che, mai come in questi giorni, ci è parsa molto attuale. Aveva vinto il Festival di Sanremo e, forse, bisognerebbe rivalutarne almeno il testo perché, nelle alluvioni verbali, a volte sono proprio le parole più piccole a dare il senso. Lo abbiamo capito lunedì sera, a notte inoltrata, nella sede del Consiglio Comunale di Asti quando sono stati  proprio i piccoli “se” e i “ma” pronunciati a llogo_israt_leggerofare la differenza. O, almeno, hanno fatto la differenza per noi che, come Polo Cittattiva per l’Astigiano e l’Albese, eravamo presenti non solo per dare sostegno all’ Israt ma, e Continua a leggere

LINO E IL GARIBALDI. UNA STORIA DI OSTERIA

libroLinoCisterna

“LINO E IL GARIBALDI.

STORIA DI UN’OSTERIA, DI UNA CUCINA, DI UN PAESE, DI UN CASTELLO E DI UN TERRITORIO”

6° INCONTRO DEL POLO CITTATTIVA PER L’ ASTIGIANO E L’ALBESE A.S. 2019/’20

REGISTRAZIONE DELL’INCONTRO IN FORMATO MP3

gruppo2

Capita, a volte, di incontrare persone straordinarie, lungimiranti, impazienti di “sognare l’infinito”, come il bambino del celebre libro di Jean Jono, capaci di modificare, con il loro operato, il corso degli eventi. Uno di questi è indubbiamente Lino Vaudano e, proprio per questo, il pubblico delle grandi occasioni ha gremito il salone del castello di Cisterna Continua a leggere

LE NOSTRE COLLINE E LO SFREGIO ALL’ UMANITA’ PERCHE’… “IO NON CI STO…!!!”

IO NON CI STOVenerdì 31 maggio 2019, tarda serata. Sarà il solito messaggio che augura la buonanotte. Un’ immagine appare all’improvviso. Un fotomontaggio? Impossibile che sia stata scattata da qualcuno, non è reale. Una collina così non può esistere da queste parti. Invece no, è tutto vero: il testo che segue è molto esplicito e dimostra chiaramente che quella è proprio una foto, il luogo potrebbe essere uno qualsiasi di quelli che ci circondano. Un attimo di silenzio: forse è troppo tardi e i pochi neuroni rimasti a finegiornata non funzionano a dovere. Meglio chiedere a qualcuno che quei luoghi conosce meglio ma è troppo tardi e la risposta non arriva. E poi chissà, magari il giorno dopo ci si accorgerà che si è visto e letto male perché, ormai, bisogna metterseli davvero quei multifocali che si consigliano agli altri. Invece, la mattina dopo, la foto e il testo sono ancora al loro posto insieme alle domande di tutti gli altri che si sperava dicessero che è tutto finto. Purtroppo, non è così: un podere è diventato una triste lavagna dove campeggia una svastica. Grazie alle forze dell’ordine, nelle prime ore di sabato 1 giugno, il campo ritorna ad essere un campo: il segno che devastava le nostre ridenti colline, è stato cancellato. Tutto ritorna come prima.

Ma siamo davvero sicuri che sia così?

Noi no.

Le indagini spettano alle forze dell’ordine, valutare le conseguenze giudiziarie ai giudici Continua a leggere

Roero: un territorio da scoprire o ri-scoprire…

affreschi

Con la visita dei bellissimi affreschi del ‘400 sulla Passione di Cristo (custoditi nella Confraternita di San Francesco) e della gipsoteca  comunale Gioachino Chiesa, giovedì 7 marzo  a Santa Vittoria d’Alba  si è concluso il ciclo di incontri del Filone Artistico del progetto “Comunità Resistenti”. L’appuntamento, guidato dalla storica dell’Arte  Sonia gipsotecaFazio e dai volontari dell’Associazione Anforianus,   è il  penultimo tassello di un percorso formativo avviato a Cisterna d’Asti l’8 settembre 2018,  che si concluderà con il Filone Naturalistico  nell’Oasi di San Nicolao, a cavallo tra i comuni di Cisterna d’Asti, Canale e Montà.

Grazie a questo progetto,  gli insegnanti degli Istituti Comprensivi di Canale, Govone, Montà, Mussotto-Sinistra Tanaro  San Damiano d’Asti, Santa Vittoria, Sommariva Bosco,  Sommariva Perno, nel corso del presente anno scolastico hanno avuto la possibilità di  Continua a leggere

Cisterna ricorda l’Antico Principato

Da oggi chi giungerà a Cisterna sarà accolto da grandi striscioni verticali che ricordano, a quasi 350 anni di distanza, l’erezione in principato del marchesato di Cisterna.  Con bolla di Papa  Clemente X, del 10 novembre 1670,  il feudo venne eretto in principato, in remunerazione di “atti, meriti e servizi resi alla Chiesa Romana” (Storia di Cisterna d’Asti. Un  Principato tra Roero e Monferrato, di Baldassarre Molino).  Lo stesso papa, tre anni dopo, autorizzò  Giacomo Dal Pozzo, Principe di Cisterna,  a coniare monete con il nome del principe e l’emblema della Santa Sede.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Il marchesato di Cisterna e Belriguardo, feudo pontificio, dal  1650  entrò tra i Continua a leggere

IL COMUNE DI CISTERNA D’ASTI SCEGLIE L’AMBIENTE

In occasione della GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA, celebrata domenica 22 aprile 2018, le maestre della scuola dell’infanzia e primaria di Cisterna d’Asti hanno comunicato ai genitori, ai rappresentanti del Comune e alle altre associazioni aderenti, che non avrebbero partecipato alle attività di pulizia e manutenzione al Bosco dei Bambini e della Costituzione.

La decisione, sofferta, è stata presa per esprimere il completo disaccordo rispetto all’ autorizzazione relativa all’utilizzo dei sentieri di Sant’Anna Montaron e Tojran-e  per il sentieri2passaggio della Settima Motocavalcata, organizzata dal Motoclub: SU2RUOTE ASD  di San Damiano, in collaborazione con  i volontari di MAMA AFRICA.

Come risulta dalla documentazione fornita alle maestre dal Comune di Cisterna, la Continua a leggere